Natyan

(Fondatore dello Studio Gayatri nel 1995)

Esiste una sola razza, la razza dell’umanità. Esiste una sola lingua, la lingua del cuore.
Esiste una sola religione, la religione dell’Amore. Esiste un solo Dio, ed è onnipervadente.

Sathya Sai Baba

Natyan è nato nel 1958 a Monza e il suo primo grande Maestro nel campo della comunicazione è stato l’Amato padre, un uomo di grande carattere che dal nulla, figlio di semplici contadini, divenne agente assicurativo plurimandatario di caratura internazionale. Alla tenera età di soli 12 anni, natyan fu accompagnato per la prima volta, da suo padre, ad un incontro sulla comunicazione tenuto da un allievo di Dale Carnegie, conosciuto in tutto il mondo per i suoi corsi motivazionali. Per quanto la materia assicurativa non lo appassionasse più di tanto, natyan rimase in ogni caso positivamente affascinato dalla grande capacità di eloquenza che, sia suo padre, che tutti gli oratori incontrati ai vari corsi esprimevano in piena scioltezza, lucidità e spontaneità. Diversi gravi lutti che colpirono la sua vita portarono, nel tempo, natyan, come a molti accade, ad interrogarsi sul senso dell’esistenza e la sua nuova grande passione furono le Filosofie Orientali, che iniziò a studiare approfonditamente dal lontano 1984. Girovagò a lungo fra maestri e guru di ogni genere (alcuni imbroglioni, altri onesti) prima di trovare un suo percorso ben definito che a buon diritto oggi definiremmo come una linea spirituale anarchica espressa attraverso il libero pensare assolutamente non costretto in nessuna forma istituzionalizzata. Il padre lo voleva avvocato e in un certo senso, pur avendo lasciato la giurisprudenza universitaria prima di portarla a termine, natyan è diventato difensore di un pensiero sempre più costretto in catene dai condizionamenti e dagli schemi delle strutture religiose, politiche e sociali.


Pur studiando accanitamente e ricevendo iniziazioni e numerosi attestati delle più svariate discipline olistiche e spirituali, natyan si accorse che l’essenza di tutto risiede semplicemente nel coraggio di essere se stessi e a questo iniziò a dedicare la sua vita radunando tutti i diplomi conseguiti e facendone un grande falò. Voleva condividere la sua libertà di pensiero piuttosto che il vacuo teorizzare meccanico. Voleva aiutare i suoi Allievi-Amici a non perdersi in concettualizzazioni teoretiche e a tuffarsi invece con entusiasmo e coraggio nelle profondità della propria Anima e del proprio Cuore. Prima di tutto la libertà dalla paura del giudizio e dalle maschere auto-costruite, questo è il suo pensiero costante, poiché è nell’ostinato desiderio di compiacere tutti coloro che ci vogliono a propria immagine e somiglianza, che risiedono le più grandi frustrazioni dell’animo umano.

Natyan dice di se stesso nel suo libro intitolato Il Miracolo di Esistere: "Io non sono un Guru Illuminato, sono solo quello che sono e ognuno può vedere in me quello che preferisce. Sono sulla Via della Ricerca Spirituale da tanti anni ma mi sento solo un principiante alle prime armi. Non ho bacchette magiche da offrirvi. Posso solo cercare di fare del mio meglio per esservi di aiuto. Se ci riesco il merito è del Cielo, ed è a Dio che va ogni ringraziamento". Forse vi aspettavate una pagina di presentazione ricca di diplomi, attestati e riconoscimenti, ma Natyan preferisce andare controcorrente:

"Non esistono uomini perfetti, ma una continua volontà di essere ogni giorno almeno un po' migliori del giorno prima. Coloro che desiderano procedere sul Sentiero Spirituale insieme a me, devono sapere che i buoni risultati possono essere conseguiti in base alla propria volontà di seguire gli Inseganmenti Spirituali dei Grandi Maestri che hanno fatto la Storia dell'Umanità. Ognuno deve sentirsi libero di accettare o respingere ciò che propongo, sulla base della propria Coscienza del momento. Io farò del mio meglio per esservi di aiuto, ma voi cercate di ragionare con la vostra testa e non con la mia. Solo così sarete pienamente soddisfatti, perchè liberi di scegliere giorno per giorno ciò che desiderate fare o essere".

Chi sono, per me i Grandi Maestri che hanno fatto la Storia dell'Umanità? Non mi riferisco solo a coloro che sono in un contesto religioso, istituzionalizzato o meno perché per me la Spiritualità è un sentimento radicato profondamente nell’Animo Umano, il quale pervade anche il cuore nobile di molti atei e quindi per nulla etichettabile.

Natyan

I LIBRI - AUDIOLIBRI - DVD - CD di Natyan