Università Popolare della Cultura Olistica

CORSI:
DATE E LUOGHI
Come Insegnare il Reiki:

 

Reiki

 

La prima Scuola Reiki

(fondata nel 1995)

completamente ad

Offerta Libera !

 Introduzione

L'Associazione Culturale-Spirituale Studio Gayatri riunisce persone che sentono la necessità di riportare lo spirito del Reiki verso il suo significato più semplice e profondo, poiché  profondità e semplicità non sono affatto in antitesi.

Appartiene al nostro mondo occidentale la convinzione che l'importanza di una cosa sia dovuta o ad un elevato valore economico, o al raggiungimento del potere psichico.

Lo Studio Gayatri combatte con amore la speculazione economica e mentale che nasce intorno a discipline spirituali come il Reiki.

Molti dicono che il Reiki deve essere uno scambio, e giustificano in questo modo le alte richieste di denaro a coloro che ricevono un trattamento o un insegnamento. Viene così confinata entro certi limiti davvero troppo materiali una disciplina che invece, secondo noi, si immerge profondamente in un mondo spirituale che riconosce la ricompensa nella gioia stessa di dare..

Per poter essere iscritti all' Associazione no-profit Gayatri è necessaria solo una piccola quota annuale e, tale quota di iscrizione, permette la possibilità di usufruire dei corsi Reiki (I°-II°-III° livello) completamente ad offerta libera e a trattamenti a costi altamente popolari.. Essa è l'inizio di una collaborazione che ha lo scopo di togliere i limiti economici che impediscono la diffusione di una ricchezza del benessere che è diritto di tutti. Infatti, il tesseramento associativo permette di frequentare per un anno intero anche a tutti gli altri corsi in programma (e sono davvero molti) a costi molto popolari.

I  Maestri Reiki Gayatri intendono operare con umiltà e impegno, per rendere noto a tutti che ci si può avvicinare a tali discipline senza l'ostacolo del denaro. Chiunque sia in linea con questo pensiero è il benvenuto.

Tutti gli Attestati dello Studio Gayatri hanno lo stesso valore legale degli Attestati e Diplomi rilasciati dalle scuole commerciali di qualunque centro formativo di natura olistica e “medicina alternativa” come la naturopatia, il counseling, ecc. e consentono la stessa possibilità di esercizio legittimo dell’attività professionale se si attua nel rispetto della normativa vigente in materia fiscale.

Natyan  

Studio Gayatri

a Monza (MB)

...18 km da Milano

Ideatore ed Iniziatore della prima Scuola Reiki completamente ad Offerta Libera

Tel. 039-382369

Cell. 333.4822351

natyan@studiogayatri.it  

Per ascoltare una breve lezione
clicca qui

Operatori Reiki di Fiducia

della Tua Zona

ITALIA

Cliccando su ogni regione non troverai tutti gli Allievi Reiki Gayatri, ovviamente, ma solo coloro che hanno deciso di esporre pubblicamente le loro foto o i propri dati personali per rendere testimonianza sulla qualità dell'Insegnamento ricevuto. Si tratta di Allievi del tutto autonomi e indipendenti che non hanno nessuna relazione obbligata nei confronti dello Studio Gayatri e viceversa, ma che condividono molto volontieri la loro positiva esperienza con noi vissuta. In verità la Scuola Reiki Gayatri, dal 1995 ad oggi, ha avuto più di mille iscritti in tutta Italia, la maggior parte dei quali, pur rimanendo pienamente soddisfatta, non desidera, per ovvie ragioni di Privacy, rendere pubblica la propria immagine.

Gli Allievi con indicato il proprio indirizzo e-mail sono Associati Gayatri di fiducia che hanno dato la loro disponibilità per essere contattati.

 

SVIZZERA

 

Se lo desideri, puoi entrare anche Tu a fare parte dello

Studio Gayatri, contattando direttamente la nostra sede.

 

Se  vuoi,  puoi  diventare  anche  Tu

Maestro Reiki

 

programma corsi 1° - 2° - 3° livello

DATE E LUOGHI

Risposte semplici a domande impegnative:

Domanda: Che cos'è il Reiki? Ne ho sentite di tutti i colori, e sono veramente confuso, mi puoi aiutare a capire cos'è e a cosa serve?

Risposta: Sono d'accordo con te. Ultimamente, tra assurdità e chiacchiere vane, il Reiki è diventato un fenomeno da baraccone! Se ne parla con arroganza, o, al contrario, con disprezzo, e in entrambi i casi è evidente che il suo significato è stato travisato e trasformato.

Se non cercassimo sempre di aggiungere qualcosa in più, e ci attenessimo semplicemente ed umilmente al significato della parola stessa, forse tanta confusione potrebbe essere evitata!

Ascoltami bene: il Reiki è una disciplina prima di tutto filosofica, ma anche tecnico-pratica razionale e, per chi lo desidera, spirituale, nata in oriente, ed il significato della parola Reiki è Energia Universale. Rispondimi tu, cosa significa Universale?

 

D: Credo che voglia dire dappertutto… ovunque nell'Universo, è giusto?

R: Si, l'Energia di cui stiamo parlando è l'Energia Vitale che costituisce l'essenza di ogni cosa, e se osservi attentamente la creazione ti accorgi che, laddove non c'è l'intervento distruttivo dell'uomo, questa Energia muove tutto in perfetto equilibrio. Lo vedi se osservi il Sole, che sorge e tramonta; nella vita delle piante e degli animali, e nel meraviglioso funzionamento del corpo umano.

È inutile appesantire il Reiki con spiegazioni in più, il Reiki nulla aggiunge, perché è la purezza della semplice esistenza racchiusa in ogni creatura.

Succede però che l'equilibrio naturale originario, qualche volta viene meno, ed è in questo caso che le pratiche di concentrazione e rilassamento della disciplina di cui stiamo parlando possono venire in aiuto.

Queste pratiche ci insegnano a conoscerci meglio, ad analizzarci di più, e quindi riportano la nostra attenzione dentro di noi. Ci fanno scoprire chi siamo realmente, che cosa vogliamo dalla vita, e come ottenere ciò che cerchiamo.

Secondo te, cosa cerca l'uomo?

 

D: Sicuramente cerca la felicità (o qualunque sinonimo che indichi uno stato di benessere) ma in che modo il Reiki può aiutarlo a raggiungerla?

R: Per avere la felicità devi ovviamente conoscere le causa che impediscono la sua realizzazione. Quante sono? Quali sono esattamente? Solo dopo averle conosciute puoi fare qualcosa per rimuoverle ed ottenere, quindi, uno stato di quiete. Paure, ansie, preoccupazioni, ricordi dolorosi, attaccamenti, delusioni, tutto questo ha radici nascoste molto profonde e il Reiki si occupa di svelare realmente da dove esse provengano, cosa fare per estirparle. Lottare, invece, contro un nemico invisibile, cercare di stare bene senza conoscere le cause reali che producono la nostra infelicità è un lavoro mentale logorante che non conduce ad alcun risultato positivo..

Lo stato di pace si raggiunge quando tutto, dentro di noi, tende all'equilibrio, quando la causa primaria di tutte le sofferenze è stata rimossa. Portare a conoscenza dell'uomo la vera causa di tutte le sofferenze, ed aiutarlo a rimuoverla, è il reale scopo del Reiki.

Quindi il Reiki serve prima di tutto per star bene con noi stessi e poi, se lo vogliamo, per aiutare anche gli altri a vivere meglio.

 

D: Come possiamo far stare bene gli altri? In che modo?

R: Ti è mai capitato di essere vicino ad una persona particolarmente gioiosa o, al contrario, molto triste, oppure arrabbiata, e di restarne più o meno "contagiato"? Lo vedi benissimo da te che in natura il contagio non è solo prerogativa di virus e batteri, non è vero? Anche gli umori possono essere contagiosi.

Ecco… il Reiki è un bellissimo contagio di serenità.

Se tu riesci a raggiungere una certa tranquillità interiore, inevitabilmente questa tranquillità colpirà chi ti si avvicina e, per simpatia o per curiosità, si produrrà una reazione che spingerà ad inseguire la stessa armonia.

Quando il Reiki viene praticato con sincerità ed amore, e, soprattutto, senza presunzione, il nostro messaggio positivo viene trasmesso attraverso vibrazioni energetiche armoniose che possono essere d'aiuto a chi soffre. Il Reiki ci avvicina alla nostra parte più profonda, ma anche al cuore della gente, ed è un piccolo miracolo!

 

D: A proposito di miracoli, ho sentito che, attraverso le pratiche Reiki, sono avvenute delle guarigioni anche in casi molto gravi… cosa mi puoi dire in proposito?

R: I miracoli li fa solo Dio, per chi ha fede, o la Natura, e su questo punto dobbiamo essere molto chiari.

Non ci sono prove scientifiche concrete che possano attribuire al Reiki guarigioni altrimenti ritenute impossibili.

Però posso dirti una cosa molto importante. La scienza ufficiale, in particolar modo le neuroscienze, riconoscono che la psiche ha la capacità di produrre, nel corpo, dei cambiamenti chimici, ed in effetti se ci pensi, possiamo trovare facilmente molti esempi.

Uno spavento può far diventare improvvisamente i capelli bianchi, una tensione di fronte ad una prova da affrontare può provocare attacchi di dissenteria… e così via.

Se è vero, perciò, che una reazione emotiva negativa può produrre cambiamenti chimici disarmonici nell'organismo, provocando malattie, perché non dovrebbe essere vero anche il contrario? E' risaputo, infatti, che reazioni psichiche positive possono essere di grande aiuto per raggiungere più in fretta le guarigioni.

Avrai sentito parlare di miracoli avvenuti, per esempio, in luoghi di pellegrinaggio; molti di essi sono dovuti alla reazione della psiche che, immersa in uno stato di abbandono e fiducia totale produce cambiamenti fisici importanti..

In questo senso, tutto è possibile. La Gioia di vivere aumenta le difese immunitarie.

E' stato dimostrato scientificamente che lo stress aumenta cortisolo e adrenalina tossica nel sangue, con riduzione di serotonina e melatonina. Tutto ciò abbassa le difese immunitarie. Al contrario, aumentando le endorfine del buon umore, per mezzo del Reiki, o di qualunque altra attività rilassante o divertente, avviene il processo contrario. In tal modo le difese immunitarie aumentano e collaborano con la ripresa del benessere generale dell'organismo.

 

D: Tutto quello che mi hai detto mi sembra positivo e rassicurante, eppure qualcuno dice che il Reiki fa emergere sensazioni o percezioni che provocano danni e squilibri psichici, è vero?

R: Quanto emerge in alcune situazioni, e suppongo che tu ti riferisca a qualcosa di negativo, non è che il frutto delle nostre paure e della confusione.

Il livello di sensibilità si alza con il Reiki, questo è vero, ma non c'è alcuna fonte esterna che possa causare danni, se è questo che intendi. Tutto quello che "sentiamo" piacevole o spiacevole, nasce da noi, dal nostro vissuto e quindi non dobbiamo temere noi stessi! Certo è vero che in alcuni incontri, a causa di operatori Reiki facili all'esaltazione, alle persone vengono prospettate esperienze di un certo tipo e penso tu sappia cosa può fare l'autosuggestione! Se indirizzi una persona verso il fanatismo, sarà facile che questa persona creda realmente a ciò che la sua mente ha creato con la fantasia e la forza della suggestione.

Al contrario, la serenità e la semplicità conducono all'introspezione e al riconoscimento del proprio reale "sentire".

 

D: Quindi il Reiki non è causa di confusioni, piuttosto è la nostra confusione che ostacola il libero fluire, semplice e pulito, del Reiki, ho capito bene?

R: Si, ma in ogni caso non c'è ostacolo che non si possa superare con la forza di volontà, ed il Reiki può aiutare anche in questo senso. Spero che ti sia chiaro che l'amore, perché questo è il Reiki, non può recare danno ad alcuno, e che questa forza può aiutarci a migliorare il nostro rapporto con noi stessi e con gli altri; ti sembra poco?

     Marisha              

                                                                                                 

... Nulla nell'Universo ha potere su di voi a meno che non lo permettiate.

Vivekananda

Domanda: Ho sentito dire che bisogna far pagare molto i corsi di Reiki, altrimenti la gente non li valorizza.

Risposta: E’ vero che viviamo in una cultura dove le cose vengono valutate di un certo valore solo se costano tanto… ma una persona intelligente non si comporta così. Prima osserva, ascolta… poi giudica il valore. Da sempre, in oriente, l'educazione spirituale è stata donata dai più grandi Maestri di tutti i tempi senza l'imposizione di una parcella predefinita. Gesù Cristo ha mai fatto miracoli o dato Insegnamenti previo scontrino alla cassa? Sono in molti ad approfittarsi della storiella del Reiki che può essere valorizzato solo se si fa pagare molto. Tu valorizzi le cose solo in base al costo? Se ti do una cosa che costa un euro, e te la faccio pagare mille, dici che è più bella solo perché te l’ho fatta pagare tanto?

Se ragioni così sei ingenua… ed io, Maestro Reiki, perché dovrei approfittare delle tua ingenuità? Quale amore dimostrerei comportandomi in questo modo? E come potrei trovare il coraggio, poi, nei corsi, di parlare di Amore?

Non scegliere mai frettolosamente… parla con un Maestro… poi parla con un altro... e un altro ancora... e decidi in base alla persona, a quello che senti dentro al tuo cuore.

Il Reiki non è un oggetto, è una filosofia di vita, e non puoi affidarti al primo che passa solo perché ti ha impressionato con la targhetta del prezzo.

 

D. Sai, … anche io la penso come te… ho provato a dirlo a qualcuno… ma non mi ha voluto ascoltare.

R. Pazienza… che ci puoi fare? Lascia che regalino i loro soldi se sono contenti di farlo. Ognuno è artefice del proprio destino. Tu puoi consigliare, aiutare ad aprire gli occhi, ma alla fine, ognuno è giudice di se stesso. Molte persone devono sbattere la testa contro il muro più e più volte, prima di capire che c’era un’altra strada più sicura.

 

D. Ho saputo che da tanti anni, voi, con coraggio, state insegnando il Reiki a offerta libera. Se è vero che molti Maestri Reiki hanno sfruttato l’ingenuità di tante persone, adesso non potrebbe succedere il contrario? Rischiate di incontrare persone totalmente irriconoscenti. Persone che magari spendono tanti soldi per divertirsi, per avere gioielli, abiti o soprammobili lussuosi… ma che poi valuteranno poco il vostro duro impegno, il tempo, e il lavoro che ci mettete nel divulgare e insegnare il Reiki! Non sei preoccupato per questo?

R. E perché mai? Non è un nostro problema. Non è nostro compito guardare nelle tasche degli altri. Noi dobbiamo solo condividere con gli altri ciò che amiamo… poi… ognuno ha una coscienza con cui confrontarsi. Ho già operato in questo modo in tante occasioni, e so perfettamente a che cosa vado incontro. Per dieci persone che non valorizzano il tuo tempo e il tuo lavoro adeguatamente, ce n’è una che con il suo cuore, anche se non può contribuire molto in termini monetari, compensa, con la sua gratitudine e il suo impegno, tutto quello che, in altre occasioni, hai visto cadere nel vuoto. Inoltre, ci sono persone che hanno veramente serie difficoltà economiche, e ci sembra giusto aiutarle lasciando i corsi ad offerta libera, pur sapendo che qualcun altro potrebbe approfittarsene. Del resto, non ci sembra proprio il caso di fare indagini in proposito. Preferiamo che ognuno agisca secondo la propria coscienza. Come ho scritto nel libro "Il Miracolo di Esistere" l'offerta libera non è il corrispettivo di una prestazione. Cadremmo nel solito errore occidentale della partita doppia. L'offerta libera viene data da coloro che desiderano che lo Studio Gayatri continui ad esistere, perchè si rendono conto di quanto sia importante che anche tante altre persone, in futuro, possano essere beneficiate da un Centro Spirirtuale-Culturale così attento alle esigenze di tutti. Non è compito nostro indagare sugli approfittatori, Ognuno, in base alla propria coscienza, dona quello che ritiene giusto in base alle proprie possibilità economiche.

 

D. Ho sentito in giro che stanno nascendo nuovi livelli Reiki, come per esempio il Karuna-Reiki o il Reiki-Aurico e altri ancora. Dicono che siano più potenti ancora del Reiki tradizionale…

R. Questo l’avevo previsto già molti anni fa. Terminati i tre livelli, come spremere altri soldi con il Reiki? Ecco che se ne inventano di nuovi… dicendo che sono più potenti… altrimenti chi si iscriverebbe? Sei abbastanza intelligente che proprio non serve aggiungere altro, vero?

 

D. …Si, si, ho capito, le persone che hanno già fatto il primo e il secondo livello, e non intendono diventare Maestri Reiki, non sono più potenziali clienti e non se ne può più ricavare profitto. Ecco allora che hanno inventato nuovi livelli Reiki per poter continuare a sfruttare le stesse persone… certo che siamo messi bene?!

R. Comunque non ti demoralizzare. Ci sono anche dei bravi Maestri Reiki che si limitano ad insegnarti l’indispensabile e l’essenziale, che propagano il Reiki con cuore e sincerità d’animo.

 

D. Mi parli un po’ dell’Iniziazione? E’ vero che il Maestro Reiki ti apre i CHAKRA?

R. Questa storia dell’apertura dei CHAKRA con l’Iniziazione la puoi giusto raccontare a chi non conosce nulla della filosofia yogica orientale! Non dimentichiamoci che Mikao Usui, il fondatore del REIKI, ha attinto le sue conoscenze da alcuni manoscritti sanscriti dell’India… e in India sanno bene che nessun essere umano può aprire i CHAKRA di un’altra persona. Tutto è romanticamente e profondamente simbolico. Ogni ritualismo affonda le proprie radici in belle ed amabili sensazioni ed emozioni. Tutto qui.

 

D. Ma io ho sentito dire di persone che dopo l’Iniziazione hanno avuto sensazioni strane e molto particolari…

R. Quelle sensazioni le puoi ottenere anche senza Reiki, mettendoti a meditare o a pregare, da sola, con te stessa. Ma pochi lo fanno. Il Maestro Reiki, aiutandoti a prendere contatto con la Tua Natura Interiore, ti permette di ascoltarti dal di dentro. Con la mente tu sei sempre fuori, persa tra mille preoccupazioni. Ma dentro di te c’è un mondo nuovo, tutto da scoprire… solo che non lo osservi mai. L’Iniziazione Reiki è un grande aiuto per entrare in quel mondo e imparare a conoscerlo. Finalmente ti ascolti e ti senti… creando così dei piccoli movimenti nei CHAKRA…piccoli movimenti, mi capisci? Sensazioni, ricordi, immagini simboliche, in pratica il tuo inconscio ti rivelerà cose che il tuo conscio non conosce, e ciò ti sarà di grande aiuto per affrontare ansietà, stress, paure o problemi di varia natura.

Se saprai coltivare, con la pratica costante e quotidiana, quei piccoli movimenti, ecco che l’Iniziazione Reiki diventerà molto importante, perché ti avrà dato il processo di avvio, di inizio di un percorso interiore. Da qui il termine INIZIAZIONE.

 

D. Chi ha ottenuto l’Iniziazione Reiki può ritenersi su di un livello superiore rispetto ad un’altra persona?

R. No, non permettere mai che tali pensieri si intromettano nella tua mente. La vanità di alcune persone è senza limiti. La nascondono bene, ma se sei attenta te ne accorgi subito. Reiki significa Energia Universale… e ciò che è Universale è onnipresente, ovunque. Non esiste una sola creatura sulla faccia dell’Universo che non abbia il Reiki dentro di sé. Non farti ingannare dai termini. Reiki non è un’energia differente o diversa dalle altre. E’ il magnetismo che permette la vita e dove c’è vita c’è Reiki. Come si può pensare di essere superiore agli altri? Possiamo solo dire che chi è stato iniziato al Reiki, ora, ha una responsabilità in più nei confronti di se stesso e degli altri… se vuole progredire deve continuamente lavorare dentro di sé, alla ricerca della propria vera natura.

 

D. E chi ha fatto un livello superiore?! E’ più avanzato di chi ha fatto solo il primo livello?

R. No! Vanità… sempre vanità. Più sali di livello e più ti devi sentire servitore nei confronti del prossimo, non superiore.

L’orgoglio, la vanità e la presunzione sono i primi nemici del Reiki. Io sono diventato Maestro Reiki… guardami… ho forse qualcosa più di te? No, sono un essere umano, come te, come tutti e come tanti mi sforzo di diventare ogni giorno un po' migliore del giorno prima. Tutto qui!

 

D. Un’ultima domanda per favore…. Conosco altre persone che hanno fatto il secondo livello e noto che qualcuno ha più simboli degli altri, e spesso certi simboli, pur appartenendo al secondo livello, sono diversi tra loro. Qualcuno sostiene di possedere simboli più potenti, è mai possibile.

R. Lo vedi come trattano il Reiki? Come un fenomeno commerciale di concorrenza. Il mio prodotto è migliore del tuo! Ma ti rendi conto? Meno simboli usi ed è meglio per te, credimi! Non esiste un simbolo più potente di un altro… bensì una concentrazione più forte di un’altra. Se usi i pochi simboli tradizionali, originali (e non quelli nuovi inventati e aggiunti per fare scena!) sviluppando con quelli una sempre maggiore capacità di concentrazione, hai quello che ti serve. Non è questione di quantità di simboli, bensì di QUALITA’ DI CONCENTRAZIONE, questo deve essere molto chiaro. Il Reiki, oltre ad essere una splendida filosofia di Vita, è una tecnica di Meditazione-Concentrativa, che lo si voglia credere oppure no. Tutto dipende dalla capacità di concentrazione.

 

D. Ma scusami ancora… ma allora, quando dicono che possiamo fare Reiki e, nello stesso tempo, guardare la televisione o parlare del più e del meno, perché tanto il Reiki funziona da solo, sbagliano?

R. Questa storia, dopo l’apertura dei CHAKRA, è l’ingenuità più grossa. Quando si ascoltano certe cose sulle tecniche orientali, bisognerebbe avere la buona volontà di informarsi e studiare bene alla fonte.

 

D. … ma è scritto anche su alcuni libri…!

R. E tu prendi per oro colato tutto quello che dicono i libri? Chiunque può scrivere un libro, basta che ci sia una casa editrice disposta a pubblicarlo. Ci sono molti libri scritti esclusivamente per vendere determinati prodotti. Affaticare gli occidentali con gli esercizi di concentrazione significa avere meno clienti. L’occidentale è abituato a pagare tanto per avere tutto e subito. Va sempre di fretta, non ha, spesso, né tempo, né voglia di sottomettersi alle pratiche di meditazione o concentrazione. Allora gli si dice che non deve preoccuparsi di nulla, che può guardare anche la televisione, che tanto il Reiki è un’energia intelligente e che fa tutto da sola. Ma questo è semplicemente ridicolo. Non c’è nulla che sia possibile ottenere senza sforzo, mettiamocelo bene in testa.

Le tecniche e le filosofie orientali si fondano sull’introspezione, sulla concentrazione e sulla pratica costante. Se speri di poterle manipolare a tuo piacimento solo perché l’hai letto su qualche libro, o solo perché hai pagato tanto, sei un’illusa. Si può manipolare l’Amore, per quanti miliardi tu possa spendere? Mi rattristo molto nel sentire certe sciocchezze.

Le tecniche e le filosofie orientali sono profonde e meravigliose, ma solo per chi le sa comprendere, per chi le tratta con riguardo e con rispetto. Altrimenti non servono a nulla. Ma molte persone non amano riflettere, preferiscono le cose facili e senza impegno… e con la stessa facilità accettano le false conoscenze speculative pensando di trarne vantaggio.

Devi imparare a ragionare con la tua testa, e non accettare con superficialità tutto quello che ti dicono, altrimenti sarai sempre succube e dipendente dalle verità altrui.

Pondera sulle cose… interpella tutti… ma rifletti bene su quello che ti dicono. Se non impari a riflettere ragionerai sempre con la testa degli altri, e non riuscirai mai a capire quello che è giusto per te.

Abbi fiducia in te stessa, prima ancora che negli altri, abbi fiducia nei tuoi mezzi, perché la tua Coscienza è il tuo primo e vero Maestro. Impara ad ascoltare, prima di tutto, la tua Coscienza.                                         

                                                                                                                               Natyan

Home Reiki